Vacanze nel Salento

 

Salento tra mare, tradizioni e ottima cucina

Il Salento è un amore che sboccia a prima vista. E che ti resta nel cuore a lungo. Difficile trovare un’area  con una personalità così forte e definita e un territorio così ricco di meraviglie. Il Salento è cultura, tradizioni, storia, folklore, buon cibo e spiagge tra le più belle d’Italia, se non addirittura del mondo. Pensate che c’è una zona della costa salentina, che proprio per le sue spiagge bianche dalle acque cristalline, prende il nome di “Maldive del Salento”.

Ogni anno infatti sono sempre di più i viaggiatori che scelgono  il Salento per le vacanze estive, e questo non stupisce affatto. La zona è molto vasta e comprende diversi comuni, ognuno con delle proprie caratteristiche uniche, sebbene legato agli altri da una stessa radicata tradizione.

LECCE

La capitale del barocco, Lecce, è una città che non ti aspetti. Ha un’eleganza che la distingue da qualsiasi altra città italiana e i suoi palazzi, costruiti con un particolare calcare bianco-giallo, ne sono la piena espressione. Piazze straordinarie, chiese affascinanti e un patrimonio storico culturale invidiabile, sono alcuni tra i motivi per cui vi consigliamo di visitare questa incantevole città.  

GALLIPOLI

Chi di voi non ha mai sentito nominare questo frizzante centro salentino? Gallipoli sorge sulla costiera occidentale della penisola salentina, nel golfo di Taranto. Un angolo di costa riparato e circondato dalle acque, dove si sviluppa questo paesino che è un vero e proprio gioiello. Passeggiare tra le stradine in cui il bianco domina ogni cosa e trovare a ogni angolo tracce di barocco. guardare le vetrine dei negozietti di artigianato e di prodotti tipici: fa tutto parte di un’esperienza che rimane nel cuore.

OTRANTO

Geograficamente agli antipodi rispetto a Gallipoli, Otranto è un luogo quasi sospeso nel tempo. Col castello aragonese che domina la città, l’atmosfera medievale è la vera protagonista.  Vi consigliamo di passarci una serata a cena e dopo gironzolare per le stradine del centro e i suoi negozietti, dove si respira un clima rilassato e vacanziero.

LE MALDIVE DEL SALENTO

Procedendo ancora verso sud ci si imbatte in quelle che sono chiamate “Le Maldive del Salento”. E con un nome così non si può evitare di andare a controllare con i propri occhi se l’appellativo sia veritiero o meno. Il borgo è quello di Pescoluse e a farla da padrone sono i circa 6 km di spiagge di sabbia fine e bianchissima insieme al mare che più azzurro non si può. Secondo noi la zona non teme affatto il confronto con le famose isole dell’Oceano Indiano.

 

SANTA MARIA DI LEUCA

Rotolando verso l’estremo sud arriviamo a Santa Maria di Leuca. Sud che più a sud non si può, tanto che la cittadina è anche nota come “de finibus terrae”, appunto l’estrema parte dell’Italia. Arrivando in cima a una collina potrete ammirare la bellezza del Santuario di Santa Maria e godervi il panorama e il fantastico mare sottostante.

DORMIRE NEI TRULLI E NELLE MASSERIE

Dove altro se non in Puglia potrebbe capitarvi di dormire in un trullo? Se avete in mente l’immagine di queste costruzioni bianche e grigie, col tetto a punta, sappiate che stiamo parlando proprio di quelle. In Salento potete dormire in un trullo, perfettamente accessoriato e confortevole. E’ un’esperienza che va fatta almeno una volta nella vita ed è un modo per sentirsi parte della tradizione salentina e a contatto maggiore con la natura circostante.

Se invece cercate una soluzione più spaziosa ma sempre originale, una masseria è quello che fa per voi. Anche in questo caso si tratta di strutture originali ma dotate di ogni confort per i turisti e che un tempo erano il centro della comunità e funzionavano come delle vere e proprie città.

Per una vacanza al di là dei soliti schemi potete provare una di queste due soluzioni e riscoprire il Salento più autentico.

LA CUCINA IN SALENTO

Uno dei motivi per cui ogni anno tantissimi turisti arrivano in Salento è che si mangia in maniera divina. I piatti tipici, sia di pesce che di terra, sono ancora molto legati alla tradizione e alle sue origini umili. Così come umili sono gli ingredienti alla base di molte ricette. A dimostrazione che la vera bontà è nella semplicità delle cose.

Si comincia subito in bellezza con  gli antipasti, tra cui un tripudio di melanzane, peperoni, pomodori secchi e puccie (classico pane rosso con olive nere), panzerotti e crocchette di patate. Si prosegue col pesce, cucinato in ogni forma, e poi frutti di mare e molluschi come ricci, vongole e calamari.

Tra i primi piatti consigliamo sicuramente un classico della cucina salentina: i “ciciri e tria”: una forma di pasta fresca fritta e poi condita con i ceci, o le orecchiette al sugo di pomodoro. Squisita è la Taieddhra, preparata con cozze, patate, riso e altre verdure a piacere. 

Particolarmente apprezzate sono poi le buonissime polpette fritte, impastate con la carne, il pane raffermo ammollato in acqua, l’uovo, il formaggio, l’aglio, il pepe e il prezzemolo tritato. 

Tra i secondi piatti a base di pesce vi consigliamo invece “u purpu alla pignata”, il polpo cotto nella pignata (un tipico e caratteristico contenitore di terracotta) con le patate, i pomodorini, il prezzemolo, il pepe, l’olio d’oliva e l’aglio.

E la lista sarebbe ancora molto lunga…

Tantissimi sono i piatti e uno più gustoso dell’altro. Non c’è pasto però che possa dirsi completo senza aver mangiato il dolce. E il dolce salentino per eccellenza è il pasticciotto. Pasta frolla friabile ripiena di crema pasticciera, un vero tripudio per il palato e una gioia per tutti i golosi.

Vi è venuta fame? 

Per scoprire tutte le offerte per visitare questa magica e bellissima terra, visitate la pagina: http://bit.ly/1R94T74

top